Error 404. Siete pronti per un mondo senza internet?

Intervista a Esther Paniagua, a cura di Antonella Vitelli.

Esther Paniagua è una giornalista senior freelance e autrice specializzata in scienza e tecnologia. È stata riconosciuta come una delle migliori scrittrici scientifiche in Europa. Nel 2020 e nel 2019 è stata una delle "100 migliori donne di spicco della Spagna". È stata anche scelta tra le "100 persone più creative nel mondo degli affari" dalla rivista Forbes Spagna. Ha ricevuto numerosi premi nel giornalismo scientifico, tecnologico e dell'innovazione (Accenture, Roche, Vodafone, ABSW).

Il suo libro Error 404. Prepared for a world without internet è stato originariamente pubblicato in spagnolo (Debate, 2021) e successivamente in tedesco (Hoffman und Campe) e italiano (Einaudi). Presto sarà disponibile anche in greco, polacco e rumeno. È il suo primo libro da solista, dopo Diferencia(te) (Edebé, 2015) di cui è coautrice, e Non raccontarmi storie (Montena, 2020) di cui è autrice ospite con il racconto SuperMariana, la guerriero che ha sconfitto l'allergia.

Esther è anche autrice dei report Artificial Intelligence, Big Data, the power of data and Disruptive Business Models, pubblicati dal Future Trends Forum della Bankinter Innovation FoundationEsther è anche professore in vari programmi accademici in materie legate al giornalismo, alla comunicazione digitale o all'intelligenza artificiale. Oltre ad essere un'insegnante, lavora come mentore, conferenziere, presentatrice e moderatrice di eventi nazionali e internazionali e collabora con varie organizzazioni no-profit. È socio fondatore dell'associazione We The Humans per promuovere la consapevolezza e la ricerca di soluzioni alle sfide etiche delle nuove tecnologie. È inoltre consulente di vari think tank, enti e congressi.

Il giornalista è un membro regolare della giuria in premi e concorsi scientifici e tecnologici, imprenditoriali e di divulgazione. Tra questi ci sono gli Ship2B Impact Awards 2022, la 34a edizione del Boehringer Ingelheim Award for Health Journalism and Outreach, Globant's 'Women That Build'; IQS Tech Next di IQS Tech Factory; i Data Science Awards; il II bando per il programma 'Cuenta la ciencia' della Fundación General CSIC; la prima edizione dei Young Disseminators Awards dell'Associazione Celera (2017), La Facultad Invisible e la Fondazione Rafael del Pino; o la sfida Falling Walls Barcelona 2017, gestita dalla Fondazione spagnola per la scienza e la tecnologia (FECYT).

Esther dal suo libro appare evidente che la scomparsa di internet dalle nostre vite è imminente e inevitabile. Non si tratta di se ma di quando. Come è nata l’idea di questo libro?

L'idea è nata da una frase dello scienziato Daniel Dennett, che in un discorso a TED nel 2014 disse

Internet cadrà e sperimenteremo ondate di panico.

Sono rimasta molto sorpresa dalla sua frase e ho iniziato a indagare per cercare di scoprire se avesse un senso. Con la mia prima intervista con Bill Dutton, direttore fondatore dell'Oxford Internet Institute, ho scoperto che questa idea di un blackout globale o di massa di Internet era una preoccupazione sentita nella comunità tecnologica. Mi è sembrato che si trattasse di qualcosa di sconosciuto al grande pubblico e che avrei dovuto continuare a indagare e raccontarlo in un libro. Inoltre, l'idea della vulnerabilità della connettività è connessa ad altri temi con cui mi occupavo da anni come giornalista: l'impatto sociale della digitalizzazione, la dipendenza, la disuguaglianza, il digital divide, la disinformazione, ecc. Queste realtà ci vengono spesso presentate "a pezzi" ed io volevo affrontarle in modo integrale, per connettere tutto.  

Nell’introduzione di Error 404 lei cita il libro "La macchina si ferma" dello scrittore britannico E. M. Forster. Cosa c’entra questo libro distopico dell’inizi Novecento con noi?

Un romanzo che mi è stato consigliato da Vinton Cerf, uno dei padri fondatori di Internet, che è stata un'altra delle prime persone che ho intervistato. Questa breve storia descrive un mondo inabitabile in cui ogni persona vive isolata in piccole stanze, collegata alla "Macchina" che, a sua volta, la collega al resto del mondo. Forster racconta come le persone interagiscono con gli altri attraverso messaggi e ologrammi; come hanno migliaia di contatti, ma nessuna relazione significativa; come conducono un ritmo di vita frenetico, in connessione permanente. Ti ricorda qualcosa? Questo romanzo ha più di un secolo, ma descrive la realtà attuale delle nostre vite virtuali.

"La macchina si ferma" offre anche una perfetta descrizione del metaverso. Un metaverso che, tra l'altro, non esiste. Al momento si tratta solo di un interessato rebranding della realtà virtuale. Si potrebbe dire che siamo nel Paleolitico del metaverso, per la natura rudimentale degli spazi esistenti e la mancanza di interconnessione tra di essi. Ad esempio, in Horizon Worlds, la prima versione pubblica della piattaforma di realtà virtuale di Meta, gli avatar non hanno ancora gambe e hanno possibilità di attività molto limitate (in pratica, giocare o partecipare a videoconferenze o gruppi di lavoro a distanza). Da Meta stesso riconoscono che i loro spazi e prodotti per il metaverso avranno bisogno di circa 10 o 15 anni per raggiungere il loro apice. Inoltre, per il grande pubblico, questo è ancora aneddotico. Tra l'altro, perché devi avere un dispositivo di realtà virtuale per entrare nel metaverso. In Europa la percentuale di abitazioni con uno di questi dispositivi nel 2020 era inferiore allo 0,005% della popolazione.

Quali sono i segnali sull’imminente fine di internet che non possiamo più sottovalutare?

Ci sono segni ovunque. Non so se ricorda il grande crash delle applicazioni Meta il 4 ottobre 2021. Il crash di Meta è stato dovuto a un mancato aggiornamento del protocollo BGP, che è come le istruzioni GPS di Internet per far circolare le informazioni nel modo più efficiente possibile. Come dico in Errore 404, un errore o un attacco a questo protocollo è uno dei modi principali per un arresto anomalo globale di Internet. Non è l'unico. Né il blackout di Facebook è stato l'unico nel 2021. Tra i più noti c'è stato un taglio al servizio di Akamai, uno dei più grandi network di distribuzione di contenuti. Akamai ha trascinato Internet con sé (siti web di banche, media, servizi di trasmissione in diretta, compagnie aeree...). Un mese prima, l'8 giugno 2021, un altro errore ha messo fuori servizio migliaia di siti web in tutto il mondo, compresi quelli di Amazon, Twitter e Spotify, e giornali come El País o The New York Times. Mesi fa, la parte interessata era stata Amazon Web Services (AWS): un problema con uno dei suoi server ha causato il blocco e il blocco dei siti Web e dei dispositivi collegati (aspirapolvere, campanelli...). È successo anche a Google. Un problema nel suo servizio ha causato gravi interruzioni nel 2020 che hanno colpito molte aziende, non potendo più utilizzare email, sistemi di messaggistica istantanea e piattaforme di lavoro in tempo reale. Anche i dispositivi domestici di Google (inclusi termostati, luci e rilevatori di fumo) e la piattaforma YouTube hanno smesso di funzionare. Questi sono solo alcuni esempi di molti. A proposito: qualche settimana fa WhatsApp e Instagram sono crollati di nuovo. 

D'altra parte, la disconnessione è un'arma utilizzata da molto tempo nella guerra informatica, anche se non su scala globale. Nel caso del conflitto tra Russia e Ucraina, torniamo al 2014, dopo l'adesione della Crimea alla Russia. Ora, con la guerra, quel conflitto è diventato internazionale.

Il capo delle forze armate britanniche ha avvertito prima dell'invasione russa dell'Ucraina che l'attività dei sottomarini russi minacciava i cavi sottomarini da cui dipende il 99% del traffico online mondiale.

Qualche settimana fa, alcuni cavi sottomarini sono stati danneggiati su alcune isole scozzesi dove, qualche mese fa, erano stati concessi controversi permessi di navigazione a pescherecci russi. Che impatto può avere il taglio di questi cavi?

In Yemen, un attacco di questo tipo ha lasciato 30 milioni di persone senza connessione nel 2020. Solo a causa di un piccolo cavo rotto.

Oltre a quanto sopra, ogni giorno siamo scossi da un numero enorme di attacchi informatici: dalle migliaia di attacchi di phishing o furto di identità che si insinuano nelle nostre e-mail o SMS, ai grandi attacchi contro aziende, governi o infrastrutture critiche. Disconnettere internet o gran parte di essa attraverso una cyber-offensiva è sempre meno complicato, tanto che a volte diventa un gioco da ragazzi: un gruppo di studenti che si cimentavano in un videogioco chiamato Minecraft ha creato una rete di bot che ha paralizzato il internet in quasi tutti gli Stati Uniti orientali nel 2016. Hanno detto di averlo fatto involontariamente. Nello stesso 2022, alcuni youtuber che hanno gareggiato online in quello stesso gioco hanno deciso che il modo migliore per sconfiggere i loro rivali in Andorra era una massiccia disconnessione dal paese, che hanno ottenuto attaccando il loro unico provider: Andorra Telecom.

Nel 2021 la principale compagnia di telecomunicazioni del Belgio, da cui dipendono i servizi governativi, ha subito un attacco informatico che ha reso inaccessibili servizi importanti a università, ospedali e persino al parlamento federale, come riportato da un rapporto di un think tank scientifico del Parlamento europeo. Come ho detto, questi sono solo alcuni esempi. Nel libro ce ne sono molte altre, e spiegazioni di altri modi per il collasso della rete delle reti. Ci sono anche altri segnali di una caduta di internet, non letteralmente, ma nel senso del suo degrado: il web è passato da strumento di democratizzazione della conoscenza, dell'informazione e della partecipazione a piattaforma dove non solo i migliori, ma anche il peggio dell'essere umano acquista una scala globale; una piattaforma commercializzata governata dai totalitarismi digitali delle grandi aziende tecnologiche. Ne parlo anche in "Errore 404".

La domanda principale del suo libro è: “come ha fatto internet da strumento di liberazione a diventare un coacervo di manipolazione e dipendenza?”. Dove abbiamo sbagliato?

Il peccato originale di internet è che mancava di un modello di business, e poiché non c'era un modo ovvio per usarlo per fare soldi, le aziende che sono nate al suo interno sono ricorse al più ovvio: la pubblicità. Negli anni 2000, Google ha introdotto questo modello di business, che è diventato il modello predefinito per le aziende tecnologiche della Silicon Valley. La perversità è che, nella loro ricerca per massimizzare il loro reddito, hanno usato e continuano a usare due cose: 1) il nostro tempo (economia dell'attenzione) 2) i nostri dati (economia dei dati o estrattivista).

Ciò significa, da un lato, che le piattaforme che utilizziamo online sono progettate in modo da creare dipendenza, come le slot. E, d'altra parte, che sia commercializzato con tutta l'esperienza umana privata.

In questo peccato originale di Internet manca un secondo elemento: l'assenza di governance, limiti e regole di comportamento. Ciò risponde all'origine liberatoria e aperta della rete delle reti, che si è diffusa grazie al World Wide Web creato da Tim Berners-Lee, con il sogno che la sua invenzione aiutasse a fornire strumenti per risolvere i problemi più urgenti, creare democrazie migliori , e maggiore e migliore trasparenza e responsabilità. Tuttavia, come ammette lui stesso -e sebbene Internet abbia portato anche molte cose buone- la realtà è che così non è stato. Queste sono le promesse non mantenute di internet, che ora dobbiamo occuparci di far rispettare.

La domanda delle domande: cosa dobbiamo fare come singoli e società per prepararci a questa imminente catastrofe?

Non si tratta di prepararsi alla catastrofe, si tratta di proteggere noi stessi per rendere più difficile che accada e minimizzarne le conseguenze. Ciò richiede livelli molto più elevati e misure più severe sulla sicurezza informatica, nonché l'alfabetizzazione digitale della popolazione. Come individui, dobbiamo ricordare che è essenziale disporre di copie di backup (non connesse al cloud) dei nostri file importanti, password complesse, modificare la password Wi-Fi che viene fornita di default quando installiamo Internet a casa, salvare i nostri contatti in un sistema non connesso, fare attenzione a ciò che condividiamo online per non essere truffati, optare per l'utilizzo di strumenti sicuri (ad esempio sistemi di posta elettronica crittografati), ecc. 

Oltre alla catastrofe di un blackout globale di Internet, c'è la catastrofe della violazione sistematica dei nostri diritti online, che si verifica ogni giorno.

Ciò premesso, dobbiamo agire come cittadini e non come meri soggetti passivi o semplici consumatori: dobbiamo esigere che le nostre infrastrutture siano adeguatamente protette e che i nostri diritti online non vengano violati: contro manipolazioni, applicazioni che creano dipendenza, sorveglianza, censura, disinformazione, violenza e discriminazione. In "Error 404" faccio circa 80 proposte specifiche in questo senso.